Interview with the blogger – ITALIANBARK

Tomasella meets the interior blogger

Interview with the blogger – ITALIANBARK

IMMAGINI DI ARCHIVIO

Tomasella, da sempre attento alle tendenze dell’arredamento e a fornire ai suoi Clienti mobili e complementi di design ma accessibili, ha incontrato un gruppo selezionato di interior bloggers cui ha posto una serie di domande. Il risultato sono queste interviste che trattano di temi quali le tendenze d’arredo 2016, consigli di arredamento e  particolari interessanti relativi al lavoro di interior designer.

Cominciamo oggi questa nuova rubrica, presentando Elisabetta, la blogger e interior designer firma del blog ITALIANBARK.

  1. Come è nata la tua passione per l’interior design?

Penso di averla sempre avuta, davvero fin da piccola mi divertivo a disegnare case e volevo fare questo mestiere! Però è una passione che ho coltivato con il tempo, soprattutto negli anni dell’università di Architettura, durante i quali ho capito che era questo l’indirizzo professionale che volevo dare alla mia laurea, che si per sé comprende molti ambiti di specializzazione.

 

  1. Nel tuo lavoro, come procedi nella creazione di un progetto di interior design di un ambiente e quali sono gli stili che preferisci?

Ci sono chiaramente degli stili che preferisco e che mi piace raccogliere nel mio blog ITALIANBARK: dallo stile Scandinavo, a quello industriale passando per l’etnico, anche se in realtà mi attirano molto i mix eclettici di più stili diversi. Credo tuttavia che un buon progetto di interior design sia quello che riesce a rispecchiare al meglio la personalità e le necessità di un cliente, filtrate dal buon gusto e dalle competenze di chi lo progetta.

Per questo come primissima cosa pongo molte domande ai clienti, volte a conoscere bene le loro abitudini, le loro preferenze,  il budget e il luogo in cui si va a progettare. A maggior ragione perché spesso mi occupo di progettazione online per l’estero!

[pullquote align=”right” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Moodboard di progetto: la palette di colori, i materiali, le ispirazioni di stile raccolte per arredare una stanza[/pullquote]

Subito dopo e partendo dall’analisi di queste informazioni metto insieme una moodboard di progetto: ovvero la palette di colori, i materiali e le ispirazioni di stile, che prendo sia dal web (in questo caso il mio blog ha un ruolo fondamentale!) sia da riviste o da archivi di foto. In pratica una board, un foglio unico, che permette al cliente di visualizzare in un colpo d’occhio tutta l’idea di progetto e il mood dell’ambiente riprogettato. E’ bello vedere come spesso è proprio quello stile che il cliente ha in mente ma che prima non riusciva a visualizzare e focalizzare!

Da qui inizia la vera e propria progettazione degli spazi: da un lato con lo studio del layout, magari anche in 3d, dall’altro con la ricerca di arredi, materiali, complementi.

 

  1. Quali sono secondo te le esigenze in fatto di arredamento più sentite oggi?

L’arredamento dovrebbe rispondere a una serie di necessità dettate dai tempi che corrono, primo tra tutti case con spazi sempre più piccoli. Un esempio tra tutti: il living con angolo cottura, angolo studio, angolo conversazione, che spesso convivono in spazi molto ristretti e la progettazione diventa un vero e proprio tetris di elementi!

Angolo studio integrato nel mobile living
Credo si stia diffondendo molto (e per fortuna direi!) anche una cultura volta a contrastare lo spreco, nel caso dell’arredamento grazie al recupero di vecchi mobili e oggetti: si compra meno e si recupera di più. Parallelamente, si sceglie il nuovo con occhio di riguardo maggiore nei confronti della qualità proprio perché l’ottica non è più quella di “riempirsi” di cose ma di averne “poche ma buone” (quel decluttering che va tanto di moda oggi).

 

  1. Quale ambiente della casa ti affascina maggiormente e perché?

Come dicevo sopra di sicuro il living: è l’ambiente in cui si trascorre maggior tempo, in cui si accolgono gli ospiti in casa, quello in cui è possibile sbizzarrirsi tra tantissime soluzioni differenti. Mi affascina molto anche l’angolo o la stanza studio: per chi lavora da casa questo diventa davvero lo spazio più importante che deve essere funzionale e confortevole.

 

  1. Quali credi saranno i maggiori trend in fatto di arredamento nel corso del 2016?

Anche se Pantone ha decretato due colori pastello come le tonalità dell’anno, sono convinta che questo 2016 vedrà un affermarsi di tonalità scure e decise. Verde oliva, blu petrolio, terracotta, grigi, mixate a finiture metalliche come quelle dell’oro e dell’ottone (o proprio al metallo con finitura nera).

[pullquote align=”left” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Design anni Settanta e materiali naturali: questi i nuovi trend per il 2016 di Elisabetta[/pullquote]

Per quanto riguarda le forme, il cerchio è la forma geometrica che vince su tutte, contemporaneamente ad angoli stondati. Continua la tendenza del mid-century design e tendenza(ovvero il design degli anni Cinquanta e Sessanta), anche se dopo molti anni forse il gusto si sta spostando verso gli anni Settanta: basti pensare all’attenzione verso le piante in casa, al ritorno di materiali come il sughero e il macramé, la tendenza è verso uno stile più naturale e meno “minimale”.